Qui Boscoreale, dove la Stazione è un treno in corsa. Trasporta cultura, aggregazione e umanità.

di Ezio Petrillo

Quando i miracoli li fanno gli uomini. Si potrebbe sintetizzare in questo modo la storia del recupero dei locali abbandonati della vecchia stazione FS di Boscoreale, 25 minuti a sud di Napoli, a qualche chilometro dal mare, col Vesuvio lì a due passi, ad imporsi sullo sguardo. Siamo in un territorio dove la lotta tra chi soffia sul vento del degrado e dell’incuria e chi, invece, resiste, è praticamente quotidiana. L’interesse collettivo, e con esso, la logica dell’utilizzo degli spazi da adibire ad uso sociale, vengono continuamente scavalcate da fini “superiori” che convergono verso un uso privato anche della cosa pubblica. Questa è d’altronde la benzina migliore per alimentare il fuoco dello spreco. Una sorta di “patologia” che fortunatamente non ha attecchito i corpi, le menti e le anime dei volontari de “La Stazione”. Continua a leggere