Il dono di un Vero Amico il sunto del piccolo miracolo civico a Boscoreale in Inglese

Today that old and run-down station is perhaps an inconvenient symbol, since some reckless citizens, making many sacrifices, have shown that there is still someone who can take care of the management of a common good without obtaining anything from it

Stories and news

The railway station of the community of Boscoreale

Trains left room for cultural and recreational activities

- by Fabrizio Rostelli, 21 September 2013

BOSCOREALE_1

In Boscoreale, in the district of Naples, for about five years a disused railway station has become a multifunctional center for cultural and recreational activities, thanks to the dedication of a handful of citizens who decided to return a symbolic asset of collective interest to the community. In these days the contract for the loan for use is about to be renewed but the activities of the volunteers are at risk due to the lack of funds. The adventure of the Boscoreale station began in February 2008 when Vincenzo Martire, president of the Stella Cometa association, wrote to the RFI (Italian State Railways Group) management in Naples, asking for the loan for use on the premises of the old railway station closed since 2005. The socio-cultural project presented receives consensus and the application was accepted: in exchange for a five-year loan, the association will have to take care of the cleaning, renovation and ordinary maintenance and extraordinary of all the premises of the passenger building and of the external bathrooms, to which, one year later, the premises of the IS building will be added in the same way.

All the activities carried out by the association during these years are documented on the official website of the station: courses in crafts, ceramics, computer science, comics and drawing, dance, languages, tammorra. A small library, a multimedia room and a room for the projection of films, for debates, parties, concerts and for any other activity useful for the social and cultural growth of the whole community that will want to gather around the project have also been created.

Martire tells us that the courses are taught by around 20 volunteers and that the center’s users are around 150 considering all the courses.

A difficult start

If five years later, that of Boscoreale represents a consolidated experience, in the first period the volunteers had to face a particularly problematic situation that Enzo Martire described as follows: “On the ground there are human and animal excrements, hundreds of syringes left there by drug addicts , while for what concerns the structures, there are the roofs without waterproof covering, and with widespread infiltrations of rainwater, also present on the walls, since many sections of plaster have deteriorated. The water and electrical systems have been completely vandalized and looted and the internal doors destroyed. The first temptation was to escape from that hell of structural and environmental degradation. (..) Thus, while the companies provided for the refurbishment of the asphalt surface, the volunteers began, in February 2009, the great work of cleaning and reclamation of the places. Day after day, the degradation and dirt diminished and the station began to return to civilization. “During the three years of inactivity the station had in fact been left in complete degradation and disinterest; now the risk is that the situation may return to the original one in the event that the association could no longer bear the management costs.

The state saves 60 thousand euro thanks to the commitment of citizens

BOSCOREALE_4

The regeneration of this urban space by responsible citizens was also possible thanks to the intervention of some companies that carried out the first construction works for free, appreciating the project. The voluntary contributions collected during the events, the voluntary fees of the supporting members and the contributions collected in the various courses are also fundamental.

Public support, however, seems to be the only missing component, despite the numerous calls from the volunteers, the administration has never supported the project financially, except with messages of solidarity and praise (starting from the Municipality, up to the President of the Republic) .

We learned in advance that these days, thanks also to our interest, the loan for use is being renewed for another five years but the volunteers are concerned about the lack of funds. The president of the Stella Cometa association, who in addition to being a volunteer is also a surveyor, has tried to quantify the work of citizens over these five years: “For years, for example, volunteers have also cleaned the areas surrounding the station that were not expressly provided for in the agreement (..) considering among the various activities also the asphalting and cleaning of a 3 thousand square meter station, I estimated the savings for the State since 2008. In about 60 thousand euros, everything is documented on our website and on Youtube”.

The question asked by the volunteers of Boscoreale is why although the project has been appreciated it is not “favored” by the administrations which, on the contrary, should support and facilitate citizens when they carry out projects with a strong social impact by providing services of general interest.

From the website of the Law Station: “Today that old and run-down station is perhaps an inconvenient symbol, since some reckless citizens, making many sacrifices, have shown that there is still someone who can deal with the management of a common good without obtaining anything personal and without squandering. “

Photos taken from the official website www.lastazioneboscoreale.it

Grazie Peppe per la traduzione

Cara Carmen ti scrivo e ti spiego. Testimonianza del vecchio presidente Vincenzo Martire.

Ieri mi trovavo a Maiori, avevo appena consumato il pasto, una colazione con melanzane sott’olio, salame affettato, e cosa più buona, il rivestimento di AFFETTO perchè donatami da uno dei tanti Amici Veri, Massimo Venosi.
Stavo cercando un bar per il caffè e mi arriva una telefonata: <<
Vincenzo, ieri sono stata alla Stazione e c’era un degrado indescrivibile, cosa si potrebbe fare? Io ho anche dei bambini nel corso di Zumba.
Tu perchè sei andato via? Il Comune perchè non aiuta la Stazione?
Ecco le mie risposte:
1) Parla con Wanda e Gianluca D’Ambrosio, trovate qualcuno che pulisce senza spendere troppo e risolvete il degrado.
2) Sono andato via e sto a Maiori ogni sabato per ricompensarmi dei tantissimi Sabati e Domeniche passati a volte anche da solo alla stazione a togliere il degrado, quello vero: siringhe dei drogati, escrementi umani ed animali, carcasse di piccoli animali in decomposizione, rifiuti di ogni genere.
Dopo tantissimo lavoro di Volontariato, ora non ne ho più di energie, ho quasi 62 anni ed ho consumato tutto il serbatoio delle attività civiche, sociali, culturali e ambientali.
Ora tocca ai cittadini della comunità di Boscoreale darsi da fare se vogliono tenersi La Stazione, compresa tu e tutti i tuoi amici e parenti.
3) Il Comune non vuole La Stazione, vuole prendersi tutti i locali, trovare e soprattutto spendere Finanziamenti e poi magari tenerli chiusi o quasi come fa con la Biblioteca (100.000 ero spesi) e non solo.
Ti posto un piccolo video esplicativo e ti invito a visitare il blog della Stazione
www.lastazioneboscoreale.it.
Spero e prego che non molliate voi che ora siete i protagonisti.

Open day Danze francesi alla STAZIONE

74604421_2592684987643494_6525826983748698112_n

La PAGINA scritta dai VOLONTARI della STAZIONE a Boscoreale (NA) brilla nel Cielo come una STELLA COMETA e la Bella Storia continua…ancora più forte Ragazzi!

https://www.facebook.com/events/491875461677198/

Ritornano la mazurka e le danze francesi a La Stazione.
Dopo qualche anno di assenza vi invitiamo a un pomeriggio da passare insieme nel quale vi introduciamo in questo magico mondo diffusosi ormai in tutta Europa. Per l’occasione spiegheremo i passi delle danze principali e ci divertiremo a ballare un po’ assieme.

L’incontro è aperto a tutti, si raccomandano scarpe basse e comode. La partecipazione è totalmente gratuita.

Sabato 30 Novembre
Start ore 18
FREE ENTRY

La Stazione con i suoi 10 anni di vita associativa è come un’OASI nel deserto dell’area vesuviana. Sosteniamola per dare Speranza ai Volontari.


martin-luther-king-108022015008Il 22 maggio 2008 un piccolo nucleo di volontari dell’associazione Stella Cometa mette per la prima volta piede nella ex stazione FS di Boscoreale in provincia di Napoli.

Entrare in quei locali abbandonati, fatiscenti, puzzolenti, è stato certamente un atto insano.

Insano è una parola offensiva se la si rivolge a una persona apparentemente “normale”, ma può essere un elogio per chi invece, si traveste da “folle” e intraprende un’avventura o meglio una missione impossibile: riportare alla civiltà un vero e proprio letamaio, pieno zeppo di rifiuti, siringhe, escrementi, carcasse di piccoli animali, calcinacci staccatisi per l’incuria di chi,(l’Amministrazione Comunale), aveva la responsabilità dei locali.

Oggi 22 novembre 2019 a 10 anni dall’inaugurazione dei locali, la STAZIONE è ancora VIVA, perché i primi “folli” hanno contagiato tanti altri che non demordono e con coraggio, rinunce e sacrifici porta avanti il SOGNO.

Lo Stato che non ha mai perseguito, ammonito, multato i Responsabili del gravissimo DEGRADO da essi provocato, ancora oggi volta, sostanzialmente, le spalle ai Volontari della Stazione.

In questi giorni si stanno raccogliendo, ancora una volta, delle donazione tra i cittadini sostenitori del SOGNO, per tentare di completare i lavori nel vecchio Magazzino delle Merci.

Si ringraziano TUTTI coloro che già hanno versato il loro contributo e si fa appello alla generosità di TUTTE le persone che hanno una possibilità, anche di pochi euro, a fare la loro parte, se si sentono vicini a questa bellissima e coraggiosissima associazione.

 

22 novembre 2009 – 22 novembre 2019 compie 10 anni “LA STAZIONE” siete tutti invitati! Start ore 21.00!

fb_img_1574063315288…………..È per questo che i volontari della Stazione sono come un piccolo manipolo di soldati “civici” a difesa di una società libera che si batte, in trincea, alla frontiera di se stessa, minacciata da ogni parte dalla corruzione, dal malaffare, dal pressappochismo che, giorno dopo giorno, ne stanno erodendo i confini. Sostenerli significa, per questi motivi, dare una mano a una piccola grande battaglia rivoluzionaria, che dalle pendici del Vesuvio può finire persino dentro ognuno di voi.
Buon compleanno Stazione.

“Dai diamanti non nasce NIENTE, dal letame nascono I FIOR” accade a Boscoreale (NA) ex Stazione FS

https://www.youreporter.it/dai-diamanti-non-nasce-niente-dal-letame-nascono-i-fior-accade-a-boscoreale-na-ex-stazione-fs/

La Stazione, con i suoi 10 anni di vita, rappresenta oggi una piccola, grande, rivoluzione. Un’opera pubblica italiana che non corrisponde ai clichè delle altre “grandi opere”. Non imposta, non calata dall’alto come siamo abituati a vedere in altri contesti, ma nata e voluta fortemente, giorno dopo giorno, da quei volontari un po’ visionari di cui ci sarebbe sempre più bisogno. Una creatura di 10 anni nata dal basso, dall’esigenza di arginare il degrado inarrestabile con ciò che ci caratterizza come uomini. La coscienza di sentirsi parte attiva di una comunità, al di là delle istituzioni e del rituale inutile della delega attraverso il voto.
È per questo che i volontari della Stazione sono come un piccolo manipolo di soldati “civici” a difesa di una società libera che si batte, in trincea, alla frontiera di se stessa, minacciata da ogni parte dalla corruzione, dal malaffare, dal pressappochismo che, giorno dopo giorno, ne stanno erodendo i confini. Sostenerli significa, per questi motivi, dare una mano a una piccola grande battaglia rivoluzionaria, che dalle pendici del Vesuvio può finire persino dentro ognuno di voi.
Buon compleanno Stazione.
Ezio Petrillo volontario dell’associazione Stella Cometa-La Stazione di Boscoreale (NA)
siti web www.lastazioneboscoreale.it – www.stellacometaboscoreale.it