Boscoreale (NA) era il 22 maggio, oggi come allora? Pensiamo proprio di no!

Allora un letamaio maleodorante.
Oggi un SIMBOLO di cittadinanza attiva e fattiva, ma lo Stato dove era e dov’è?
Il 22 maggio 2008 QUALCUNO mi ha spinto a entrare in quella vecchia stazione abbandonata da Dio e dagli uomini, e quel QUALCUNO ha permesso ai Volontari di Stella Cometa – La Stazione di compiere un piccolo MIRACOLO sociale e civico.
Donne e uomini del POPOLO, indossando i panni di VERI CITTADINI, si fanno essi stessi STATO, realizzando un opera meritoria, LA STAZIONE.
Oggi 22 maggio, i VOLONTARI sono sempre lì in TRINCEA contro il degrado sempre in agguato, ma soprattutto vivendo sulla propria pelle l’INDIFFERENZA (vero CANCRO dell’umanità) Istituzionale e di gran parte della popolazione boschese.
Vedere I POCHISSIMI contributi del cinque per mille degli ultimi anni e il distacco dell’acqua. (LASCIATI A SECCO DALLA GRANDE GORI PER UN ANNO, C’ERA STATA UNA PERDITA DELLA CONDOTTA SFUGGITA AI VOLONTARI, SUBITO PUNITI DALLO STATO).
Uno tra i pochi cittadini non indifferenti, imprenditore commerciale, Francesco Ciaravola, sempre vicino ai Volontari quando ha potuto, mi ha chiesto poco tempo fa se ne è valsa la pena dannarsi l’anima per realizzare qualcosa che non è amata e valorizzata né da chi Amministra né dalla massa della popolazione.
La mia risposta è stata: sì ne è valsa la pena, perché comunque finisca LA STAZIONE, è stata scritta una bella pagina di STORIA della Vita di Boscoreale, un Paese ricco di tante RISORSE UMANE PULITE.


Primavera non bussa! Continua la Spesa Solidale a La Stazione! CHI ‘O TENE ‘O DDA, CHI NUN O TENE S’O PPO PIGLIA’

 

CHI ‘O TENE ‘O DDA, CHI NUN O TENE S’O PPO PIGLIA’

96086254_2751899105055414_5281484166783827968_o

 

La Spesa Solidale continua con qualche variazione ma abbiamo ancora bisogno di voi e della vostra generosità. Anche un pacco di pasta può fare la differenza!
Nelle ultime settimane abbiamo distribuito circa 30 pacchi grazie al supporto di chi ci sta donando e vorremmo riuscire a mantenere questo standard anche se con cadenza bisettimanale.

 

Vi ricordiamo gli appuntamenti del mese di maggio:

Per donare:
Lunedi e Giovedì dalle 10:00 alle 12:00

Per ricevere:
Venerdì 8 e 22 maggio dalle ore 10:00 alle 12:00.

Grazie a tutti coloro che ci hanno inviato il loro video aiutandoci a realizzare questo breve filmato che speriamo ci aiuti a diffondere sempre di più l’attività.

 


95906410_10222803838228243_1049943921313972224_n

Pubblicato elenco cinque per mille 2018! Grazie ai 42 SOSTENITORI della STAZIONE!

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/2430591/5×1000+-+AF+2018+-+Elenco+destinatari+ammessi+al+contributo+-+3.pdf/62f5ca3a-a85d-726f-f650-a6157dcf7a74

anno 2018 € 1.350,54 n. 42 sostenitori

 

anno 2017 € 1.218,90 n. 40 sostenitori

anno 2016 € 1.620,93 n. 50 sostenitori

anno 2015 € 1.376,16. n. 41 sostenitori

anno 2014 € 2.824,06 n. 106 sostenitori

anno 2013 € 2.504,50 n. 105 sostenitori

DSCF1269

 

BOSCOREALE – LA STAZIONE: PIU’ DONO, PIU’ HO DA DONARE.

AVVISO

Buona Pasqua a tutti ❤
Comunichiamo che per questa settimana saremo in stazione MARTEDÌ,MERCOLEDI E GIOVEDI dalle ore 10:00 alle 12:00 per chi vuole donare una spesa.

 

 

SPESA SOLIDALE

92706812_2727982934113698_6388603079289208832_nParte da LA STAZIONE un appello alla comunità.

In questo momento critico, vogliamo renderci utili per le persone in difficoltà presenti sul territorio di Boscoreale. Quello che ci muove è un principio semplice: 91832292_2721588368086488_8473514688783581184_o

A partire dal prossimo lunedì 6 Aprile, apriremo un punto di raccolta di beni utili (pasta, conserve, biscotti, farina, olio, ecc..ecc..)

· Lunedì e Giovedì dalle ore 10.00 alle 12.00 saremo in sede ad accogliere chi vuol donare,
· Venerdì dalle 10.00 alle 12.00 vi aspettiamo per ritirare i pacchi.

Potete contattarci su whatsapp ( Alessia) +39 333 743 3813
oppure scrivere un messaggio sulla nostra pagina fb.

La Stazione è in via Giovanni della Rocca 252, Boscoreale

La solidarietà non può esistere senza la comunità.

 

 

 

 

Diamo ciascuno il contributo alla lotta contro l’epidemia da COVID19, restando in casa.

Ognuno di noi in questi momenti così difficili starà facendo sicuramente tutto quello che può per dare il proprio contributo alla lotta contro l’epidemia da COVID19, anche solo restando in casa.

Se riusciamo anche a dare una piccola mano a questa piccola realtà di Volontariato Attivo e Fattivo ve ne saranno grati tutti coloro che, passata l’epidemia, vorranno di nuovo aggregarsi per arricchirsi DENTRO ed arricchire così la Comunità in cui sono innestati.

Per sostenere l’associazione STELLA COMETA-LA STAZIONE puoi effettuare un bonifico bancario sul seguente codice IBAN IT64H0306909606100000170995 indicando come Causale “Sostengo Stella Cometa-La Stazione” .

In attesa apertura donazione con raccolta fondi su facebook pubblichiamo qui i bonifici ricevuti, potete comunicarlo anche qui come commento, grazie e restiamo a casa!.

26 marzo 2020 antonio de vivo 60€ ossia 5€ al mese x 12

26 marzo 2020 vincenzo martire 60€ ossia 5€ al mese x 12

mm600

NEMO PROFETA IN PATRIA! Un fuerte abrazo desde México.

Ciao! Sembrava una ragazza del Messico, io non parlo italiano, quindi scriverò in spagnolo in modo che possa essere pubblicato online senza alcun problema.
Sono un architetto che si specializza nella conservazione del patrimonio architettonico. Per il mio caso di tesi sto lavorando in una piccola stazione ferroviaria in una città del Messico chiamata Uayma, situata nello stato dello Yucatan. L’idea del progetto è quella di integrare la comunità in modo che la sua forza, volontà e desiderio di rivivere la sua ex stazione ferroviaria, per formare uno spazio culturale per tutti; La tua iniziativa mi ha ispirato molto e desidero con tutto il cuore che tu continui il tuo lavoro per mantenere attivo il tuo patrimonio ferroviario per tutti. Un grande abbraccio dal Messico.

 

Ciao! Io sono una ragazza delle Messico, io no parlo italiano, quindi scriverò in spagnolo in modo che possa essere tradotto online senza alcun problema.
Soy una arquitecta realizando una especialización en conservación del patrimonio arquitectónico. Para mi caso de tesis estoy trabajando sobre una pequeña estación de ferrocarril en un poblado de México llamado Uayma, localizado en el estado de Yucatán. La idea del proyecto es integrar a la comunidad para que su fuerza, voluntad y ganas de ver viva de nuevamente su ex estación de tren, se logre formar un espacio cultural para todos; su iniciativa me ha inspirado mucho, y deseo de todo corazón que continúen con su trabajo de mantener su patrimonio ferroviario activo para todos. Un fuerte abrazo desde México.

Il dono di un Vero Amico il sunto del piccolo miracolo civico a Boscoreale in Inglese

Today that old and run-down station is perhaps an inconvenient symbol, since some reckless citizens, making many sacrifices, have shown that there is still someone who can take care of the management of a common good without obtaining anything from it

Stories and news

The railway station of the community of Boscoreale

Trains left room for cultural and recreational activities

- by Fabrizio Rostelli, 21 September 2013

BOSCOREALE_1

In Boscoreale, in the district of Naples, for about five years a disused railway station has become a multifunctional center for cultural and recreational activities, thanks to the dedication of a handful of citizens who decided to return a symbolic asset of collective interest to the community. In these days the contract for the loan for use is about to be renewed but the activities of the volunteers are at risk due to the lack of funds. The adventure of the Boscoreale station began in February 2008 when Vincenzo Martire, president of the Stella Cometa association, wrote to the RFI (Italian State Railways Group) management in Naples, asking for the loan for use on the premises of the old railway station closed since 2005. The socio-cultural project presented receives consensus and the application was accepted: in exchange for a five-year loan, the association will have to take care of the cleaning, renovation and ordinary maintenance and extraordinary of all the premises of the passenger building and of the external bathrooms, to which, one year later, the premises of the IS building will be added in the same way.

All the activities carried out by the association during these years are documented on the official website of the station: courses in crafts, ceramics, computer science, comics and drawing, dance, languages, tammorra. A small library, a multimedia room and a room for the projection of films, for debates, parties, concerts and for any other activity useful for the social and cultural growth of the whole community that will want to gather around the project have also been created.

Martire tells us that the courses are taught by around 20 volunteers and that the center’s users are around 150 considering all the courses.

A difficult start

If five years later, that of Boscoreale represents a consolidated experience, in the first period the volunteers had to face a particularly problematic situation that Enzo Martire described as follows: “On the ground there are human and animal excrements, hundreds of syringes left there by drug addicts , while for what concerns the structures, there are the roofs without waterproof covering, and with widespread infiltrations of rainwater, also present on the walls, since many sections of plaster have deteriorated. The water and electrical systems have been completely vandalized and looted and the internal doors destroyed. The first temptation was to escape from that hell of structural and environmental degradation. (..) Thus, while the companies provided for the refurbishment of the asphalt surface, the volunteers began, in February 2009, the great work of cleaning and reclamation of the places. Day after day, the degradation and dirt diminished and the station began to return to civilization. “During the three years of inactivity the station had in fact been left in complete degradation and disinterest; now the risk is that the situation may return to the original one in the event that the association could no longer bear the management costs.

The state saves 60 thousand euro thanks to the commitment of citizens

BOSCOREALE_4

The regeneration of this urban space by responsible citizens was also possible thanks to the intervention of some companies that carried out the first construction works for free, appreciating the project. The voluntary contributions collected during the events, the voluntary fees of the supporting members and the contributions collected in the various courses are also fundamental.

Public support, however, seems to be the only missing component, despite the numerous calls from the volunteers, the administration has never supported the project financially, except with messages of solidarity and praise (starting from the Municipality, up to the President of the Republic) .

We learned in advance that these days, thanks also to our interest, the loan for use is being renewed for another five years but the volunteers are concerned about the lack of funds. The president of the Stella Cometa association, who in addition to being a volunteer is also a surveyor, has tried to quantify the work of citizens over these five years: “For years, for example, volunteers have also cleaned the areas surrounding the station that were not expressly provided for in the agreement (..) considering among the various activities also the asphalting and cleaning of a 3 thousand square meter station, I estimated the savings for the State since 2008. In about 60 thousand euros, everything is documented on our website and on Youtube”.

The question asked by the volunteers of Boscoreale is why although the project has been appreciated it is not “favored” by the administrations which, on the contrary, should support and facilitate citizens when they carry out projects with a strong social impact by providing services of general interest.

From the website of the Law Station: “Today that old and run-down station is perhaps an inconvenient symbol, since some reckless citizens, making many sacrifices, have shown that there is still someone who can deal with the management of a common good without obtaining anything personal and without squandering. “

Photos taken from the official website www.lastazioneboscoreale.it

Grazie Peppe per la traduzione

Cara Carmen ti scrivo e ti spiego. Testimonianza del vecchio presidente Vincenzo Martire.

Ieri mi trovavo a Maiori, avevo appena consumato il pasto, una colazione con melanzane sott’olio, salame affettato, e cosa più buona, il rivestimento di AFFETTO perchè donatami da uno dei tanti Amici Veri, Massimo Venosi.
Stavo cercando un bar per il caffè e mi arriva una telefonata: <<
Vincenzo, ieri sono stata alla Stazione e c’era un degrado indescrivibile, cosa si potrebbe fare? Io ho anche dei bambini nel corso di Zumba.
Tu perchè sei andato via? Il Comune perchè non aiuta la Stazione?
Ecco le mie risposte:
1) Parla con Wanda e Gianluca D’Ambrosio, trovate qualcuno che pulisce senza spendere troppo e risolvete il degrado.
2) Sono andato via e sto a Maiori ogni sabato per ricompensarmi dei tantissimi Sabati e Domeniche passati a volte anche da solo alla stazione a togliere il degrado, quello vero: siringhe dei drogati, escrementi umani ed animali, carcasse di piccoli animali in decomposizione, rifiuti di ogni genere.
Dopo tantissimo lavoro di Volontariato, ora non ne ho più di energie, ho quasi 62 anni ed ho consumato tutto il serbatoio delle attività civiche, sociali, culturali e ambientali.
Ora tocca ai cittadini della comunità di Boscoreale darsi da fare se vogliono tenersi La Stazione, compresa tu e tutti i tuoi amici e parenti.
3) Il Comune non vuole La Stazione, vuole prendersi tutti i locali, trovare e soprattutto spendere Finanziamenti e poi magari tenerli chiusi o quasi come fa con la Biblioteca (100.000 ero spesi) e non solo.
Ti posto un piccolo video esplicativo e ti invito a visitare il blog della Stazione
www.lastazioneboscoreale.it.
Spero e prego che non molliate voi che ora siete i protagonisti.